Via col Vento

Via col Vento

- in Anni 30, Recensioni
0

Georgia, 1861. L’altezzosa ereditiera Rossella O’Hara (Vivien Leigh), figlia di proprietari terrieri e circondata da uomini desiderosi di corteggiarla, crede fermamente nel suo amore per Ashley (Leslie Howard), promesso sposo della cugina Melania (Olivia de Havilland). Con lo scoppio della guerra di secessione, però, Rossella conoscere l’avventuriero Rhett Butler (Clark Gable) che, fatalmente attratto dal suo carisma e dalla sua bellezza, decide di aiutarla nella sua guerra personale per difendere la tanto amata tenuta agricola familiare.

È forse il kolossal hollywoodiano più visto e amato della storia del cinema. Girato in Technicolor e realizzato, all’insegna del maestoso, con mezzi monumentali (assolutamente impressionanti per l’epoca), è un’epopea filmica in toni da storico dramma epico con un personaggio femminile memorabile, in cui convivono sapientemente il mélo sentimentale e lo spettacolare affresco di costume, non senza una certa attenzione al contesto storico-sociale, il tutto connesso al messaggio centrale sui legami con le origini (il tempo passa, i rapporti si logorano, mentre la terra è l’unica cosa che resta). Tra i molti autori e collaboratori che presero parte alla realizzazione, decisivo fu l’intervento del produttore David O’Selznick, il quale, puntando sul successo del romanzo d’origine di Margaret Mitchell, cambiò 3 registi (Sam Woods, George Cukor e poi Fleming, unico dei tre accreditato avendone diretto la maggior parte) e decise di investire l’impressionante budget per riunire i migliori tecnici dell’epoca (direttori della fotografia, scenografi, musicisti, costumisti). Come ogni vero classico, è un film che, riuscendo ad appassionare intere generazioni di spettatori in tutto il mondo, resta ancora oggi per gran parte immune al peso del tempo. Trionfo agli Oscar con ben 10 statuette: miglior film, regia, miglior attrice a Vivien Leigh (la quale, ad allora semi-sconosciuta, vinse il provino per Rossella scavalcando più di 3.000 contendenti, tra cui Bette Davis e Paulette Godard), migliore attrice non protagonista a Hattie McDaniel (primo premio assegnato ad un’attrice nera), migliore sceneggiatura (assegnato postumo a Sidney Howard), fotografia (E. Haller e R. Rennnahan), scenografia (L. Wheeler), montaggio (H. G. Kern, J. E. Newcom), e ben due premi speciali (uno per il contributo tecnico e un secondo a W. C. Menzies per l’uso del colore). Sdoganato in Italia nel 1949, venne poi ridistribuito nel 1976 con un nuovo (e discutibile) doppiaggio.

Via col Vento
Via col Vento
Summary
"Gone with the Wind"; di VICTOR FLEMING; con VIVIEN LEIGH, CLARK GABLE, OLIVIA DE HAVILLAND, HATTIE McDANIEL, LESLIE HOWARD, THOMAS MITHCELL, BARBARA O'NEIL, EVELYNE KEYES, ANN RUTHERFORD; drammatico; USA, 1939; durata: 223';
80 %
Voto al film
User Rating : 0 (0 votes)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?