Lo Hobbit – Un Viaggio Inaspettato

Lo Hobbit – Un Viaggio Inaspettato

- in Film 2012, Recensioni
0

Prima del viaggio di Frodo (Elijah Wood) verso il Monte Fato per distruggere l’Anello del Potere e annientare il malvagio Sauron, suo zio Bilbo Baggins (Ian Holm) racconta al nipote di una grande avventura da lui vissuta sessant’anni prima, ovvero di quando, da giovane (Martin Freeman), insieme allo stregone Gandalf (Ian McKellen) si unì una squadra di 12 nani per partire alla pericolosa riconquista del regno Nanico di Erebor per liberarlo dalle grinfie del temibile drago Smaug.

Quando Peter Jackson annunciò che dal romanzo “Lo Hobbit, o la Riconquista del Tesoro” di Tolkien, ovvero il prequel de “Il Signore degli Anelli”, avrebbe realizzato una seconda trilogia cinematografica, sono iniziate le perplessità: vale la pena ripetere una similare operazione mastodontica (un budget plurimilionario per altri tre kolossal di circa 3 ore ciascuno, girati come i precedenti in contemporanea e poi divisi in postproduzione), partendo da un materiale sicuramente non altrettanto importante e per di più di gran lunga meno corposo? Ovviamente per un giudizio più ampio sulla nuova saga bisognerà aspettare i due film successivi, ma per ora si può dire che questo primo film (che ha deluso buona parte dei fan, e non solo) fomenta il dubbio. Scritto dal regista con le due co-produttrici F. Walsh (sua moglie) e P. Boyens (sua assidua collaboratrice), insieme a Guillermo del Toro (che inizialmente avrebbe dovuto anche dirigerlo) è un enorme fantasy di battaglie e incantesimi che però, a differenza dei film precedenti, non riesce ad incantare. Di indiscutibile e spettacolare grandiosità a livello tecnico-visivo (girato con la nuova, tanto sbandierata e pur discutibile novità dei 48 fotogrammi al secondo, zeppo di meravigliosi paesaggi della Nuova Zelanda, trucchi da Oscar e mirabolanti effetti speciali a cura della WETA L. T. D.) ma eccessivamente lungo, con personaggi poco coinvolgenti, e assai sbilanciato nella narrazione: ad una prima parte piatta e soporifera segue una seconda in cui l’azione, pur in maniera un po’ programmatica, si scatena e decolla. Allora ci si può anche appassionare, ma il difetto è nel manico: se il romanzo d’origine, ben lontano dal grande respiro de “Il Signore degli Anelli”, procedeva dalle parti della ben più modesta e assai meno ambiziosa favola avventurosa, il tono epico con cui è trasposto sullo schermo finisce non solo per appiattirne la storia (che non regge tale dilatazione), ma anche per snaturarne lo spirito, non riuscendo così a riproporre quella travolgente meraviglia che rese mitica la precedente, amatissima e pluripremiata saga tolkeniana di Jackson.

Lo Hobbit - Un Viaggio Inaspettato
Lo Hobbit - Un Viaggio Inaspettato
Summary
"The Hobbit: An Unexpected Journey"; di PETER JACKSON; con MARTIN FREEMAN, IAN McKELLEN, RICHARD ARMITRAGE, JAMES NESBITT, KEN SCOTT, BARRY HUMPHRIES, SYLVESTER McCOY, CATE BLANCHETT, CHRISTOPHER LEE, ANDY SERKINS, HUGO WEAVING, IAN HOLM, ELIJAH WOOD; fantasy; USA/ Nuova Zelanda, 2012; durata: 164';
50 %
Voto al film
User Rating : 0 (0 votes)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?