Invictus – L’Invincibile

Invictus – L’Invincibile

La vera storia di come Nelson Mandela (Morgan Freeman) e il capitano della squadra di rugby Francois Pienaar (Matt Damon) unirono le loro forze per la pacificazione del Sud Africa: il neoeletto presidente, cercando di contrastare l’apartheid e, spera infatti di poter riunire il suo popolo con il linguaggio universale dello sport, spingendo quindi la squadra nazionale ad ottenere la vittoria al Campionato del Mondo del 1995.

Dopo il successo di “Gran Torino”, Eastwood torna alla regia per portare sullo schermo con approccio trasversale il trionfo di Nelson Mandela come raccontato nel bel libro di John Carlin “Playing the Enemy: Nelson Mandela and the Game that Made a Nation”. Chi partiva col presupposto che il film potesse, in qualche modo, parlare di Mandela per trattare indirettamente di Obama, dovrà ricredersi: “Invictus” non è un film pretestuosamente idiologico e/o politico, né un film sull’Apartheid, nè una biografia vera e propria, ma piuttosto una storia di vittoria e di rivalsa, nazionale e personale. È forse il film meno pessimista di Eastwood regista, che (con l’usuale piglio classico e con l’usuale padronanza del mezzo) mette in scena un glorioso spettacolo a cui si assiste con grande partecipazione e da cui traspare una profonda e sincera ammirazione per Mandela, uomo di pace talmente importante da riuscire a risollevare il morale di un’intera nazione anche attraverso un campionato sportivo. Certo, il film pecca di un’ottimismo assai troppo calcato, non è certo privo di stereotipi e non sempre riesce ad evitare le trappole del biopic (in particolare l’agiografia e il didatticismo), ma tali elementi possono comunque solo in parte considerarsi limiti, non andando infatti a minare un coinvolgimento comunque sempre di qualità. A questo proposito, grande merito va al protagonista Morgan Freeman, che nel ruolo del leader sudafricano offre un’intensa interpretazione basata su un grande lavoro di immedesimazione, mimica e vocalità. A supportarlo, il sempre bravo e versatile Matt Damon. Nomination all’Oscar per entrambi.

Invictus - L'Invincibile
Invictus - L'Invincibile
Summary
"Invictus"; di CLINT EASTWOOD; con MORGAN FREEMAN, MATT DAMON, TONY KGOROGE, PATRICK MOFOKENG, MATT STERN, JULIAN LEWIS JONES, MARGUERITE WHEATLEY, ADJOA ANDOH, PATRICK LYSTER; drammatico; USA, 2009; durata: 134';
60 %
Voto al film
User Rating : 0 (0 votes)

About the author

Per informazioni più dettagliate sull'autore del blog (percorso di formazione, progetti lavorativi, contatti, etc.), vedere la pagina "Parlo di Me" nel menù.

Related Posts

3 Comments

  1. Una delle poche cose su cui posso essere d’accordo è l’ottimismo che ci mette il regista. Per il resto mi sa che Eastwood è un pò calato di qualità rispetto agli altri recenti film.

    1. @ agegiofilm: Concordo sul fatto che questo film di Eastwood sia inferiore rispetto all’ultimo “Gran Torino”, o ad altri come “Mystic River”, o “Million Dollar Baby” (uno dei suoi capolavori), ma c’è da riconoscere che il livello dei suoi film rimane comunque molto alto, anche quando, come in questo caso, dirige un film “minore”. Successe anche l’anno scorso con “Changeling” (uscito, tra l’alto, proprio a pochi mesi di distanza da “Gran Torino”, uno dei più grandi film del regista).

  2. E non ha proprio voglia di fermarsi: dopo il thriller con Damon ha già progettato uno dei biopic più difficili per Hollywood, quello si JE Hoover. Con quest’ultimo film mi fionderei letteralmente al cinema.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?