European Film Awards 2015, trionfo per “Youth” di Paolo Sorrentino

European Film Awards 2015, trionfo per “Youth” di Paolo Sorrentino

Trionfo a Berlino per Paolo Sorrentino ed il suo film Youth – La Giovinezza, che alla 28a edizione degli European Film Awards si aggiudica ben tre premi tra cui i due di maggior rilievo, ossia miglior film e miglior regia. Per il regista napoletano è la seconda grande vittoria agli “Oscar europei” dopo quella del 2013, quando La Grande Bellezza vinse quattro statuette tra cui la più importante (anticipando l’Academy che lo premiò come miglior film straniero).
Oltre ai due succitati riconoscimenti, il film di Sorrentino (candidato anche per migliore sceneggiatura e miglior attrice non protagonista a Rachel Weisz) ne ottiene inoltre un terzo per il miglior attore al protagonista Michael Caine. Nella stessa occasione, l’attore inglese due volte premio Oscar ha ricevuto anche un prestigioso Premio d’Onore da parte del Presidente Wim Wenders e del Consiglio Direttivo presieduto da Agnieszka Holland. In quasi trent’anni di European Film Awards, questo speciale riconoscimento era stato attribuito soltanto due volte, la prima al membro fondatore Manoel De Oliveira, la seconda all’attore Michel Piccoli. Ritirando il prestigioso premio, Caine ha dichiarato: “In 50 anni non ho mai ricevuto un premio in Europa, e stasera ne ho vinti due”.
Doppietta anche per Charlotte Rampling, che oltre al premio alla carriera conquista anche la statuetta come miglior attrice per la sua interpretazione nel film di Andrew Haigh 45 Anni. Il premio come miglior commedia è andato invece al film di Roy Andersson Un Piccione Seduto su un Ramo Riflette sull’Esistenza (già del Leone d’Oro all’ultima mostra internazionale d’arte cinematografica  Venezia), mentre il film di Yorgos Lanthimos The Lobster (che ottenne il Premio della Giuria a Cannes) ottiene la statuetta per la migliore sceneggiatura.
Il premio del pubblico è invece andato al thriller spagnolo di Alberto Rodríguez La Isla Mínima, già vincitore di ben 10 Goya in patria. Ad aggiudicarsi la statuetta come miglior film rivelazione è invece l’apprezzato Mustang, esordio della regista franco-turca Deniz Gamze Ergüven, scelto per rappresentare la Francia ai prossimi Oscar.
A vincere come miglior documentario è il già premiatissimo Amy di Asif Kapadia (bellissimo docufilm sulla vita di Amy Winehouse), mentre il miglior film d’animazione di quest’anno è il cartoon irlandese in tecnica tradizionale Song of the Sea (candidato alla scorsa edizione dei premi Oscar).
Nessun premio invece per Mia Madre di Nanni Moretti, candidato ai premi per miglior regia e miglior attrice alla protagonista Margherita Buy. Tra i vincitori, anche l’attore austriaco Christoph Waltz, a cui è stato conferito il premio per il contributo europeo al cinema mondiale.
Di seguito, tutti i candidati e i vincitori (in grassetto) della 28a edizione degli European Film Awards:

MIGLIOR FILM

  • Youth – La giovinezza
  • The Lobster

  • Mustang

  • Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza

  • Rams – Storia di due fratelli e otto pecore

  • Victoria

MIGLIOR ATTORE

  • Michael Caine, Youth – La giovinezza
  • Tom Courtenay, 45 Anni

  • Colin Farrell, The Lobster

  • Christian Friedel, 13 Minutes

  • Vincent Lindon, La Legge del Mercato

MIGLIOR ATTRICE

  • Charlotte Rampling, 45 Anni
  • Margherita Buy, Mia Madre

  • Laia Costa, Victoria

  • Alicia Vikander, Ex Machina

  • Rachel Weisz, Youth – La giovinezza

MIGLIOR REGIA

  • Paolo Sorrentino, Youth – La giovinezza
  • Malgorzata Szumowska, Body (Ciało)
  • 
Yorgos Lanthimos, The Lobster

  • Nanni Moretti, Mia Madre

  • Roy Andersson, Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
  • 
Sebastian Schipper, Victoria

MIGLIOR COMMEDIA

  • Un Piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
  • La Famiglia Bélier
  • Dio esiste e vive a Bruxelles

MIGLIOR SCENEGGIATURA

  • Yorgos Lanthimos e Efthymis Filippou, The Lobster
  • Radu Jude e Florin Lazarescu, Aferim!
  • Alex Garland, Ex Machina

  • Andrew Haigh, 45 Anni
  • Roy Andersson, Un Piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
  • Paolo Sorrentino, Youth – La Giovinezza

MIGLIOR FILM RIVELAZIONE

  • Mustang
  • Goodnight Mommy

  • Limbo

  • Slow West
  • 
Im Sommer wohnt er unten

MIGLIOR DOCUMENTARIO

  • Amy

  • Dancing with Maria

  • The Look of Silence

  • A Syrian Love Story

  • Toto and His Sisters

FILM D’ANIMAZIONE

  • Song of the Sea
  • Adama

  • Shaun, vita da pecora – Il film

PREMIO DEL PUBBLICO

  • 
La Isla Mínima
  • Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
  • Forza Maggiore
  • Leviathan
  • Samba
  • Non sposate le mie figlie!
  • The Imitation Game
  • Il Sale della Terra
  • Victoria
  • White God – Sinfonia per Hagen

PREMIO PER IL CONTRIBUTO EUROPEO AL CINEMA MONDIALE

  • Christoph Waltz

PREMIO D’ONORE

  • Michael Caine

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

  • Piknik
  • Dissonance

  • E.T.E.R.N.I.T.

  • Field Study

  • Kung Fury

  • Kuuntele
  • Naše Telo
  • 
Over

  • El Corredor
  • Smile, and the World Will Smile Back
  • Fils du Loup
  • 
Symbolic Threats
  • 
This Place We Call Our Home

  • Çevirmen
  • Washingtonia

PREMI TECNICI

MIGLIOR FOTOGRAFIA

  • Martin Gschlacht, Goodnight Mommy

MIGLIOR MONTAGGIO

  • Jacek Drosio, Body (Ciało)

MIGLIOR COLONNA SONORA

  • 
Cat’s Eyes, The Duke of Burgundy

MIGLIOR SCENOGRAFIA

  • Sylvie Olive, Dio esiste e vive a Bruxelles

MIGLIORI COSTUMI

  • Sarah Blenkinsop, The Lobster

MIGLIOR SONORO

  • 
Vasco Pimentel and Miguel Martins, Arabian Nights

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?