Ciao, Mario

Ciao, Mario

- in Tributi e Monografie
0

Quando scrivo un tributo per salutare o ricordare una personalità del cinema che ci ha lasciato, solitamente inizio col citare alcuni titoli di pellicole, evidenziando i motivi della loro importanza, per poi ripercorrere le tappe che hanno determinato la grandezza e/o eccellenza dell’artista in questione. Ma in questo caso, per quanto mi riguarda, non troverei mai la maniera adatta, o un encomio abbastanza grande da rendere giustizia ad un uomo così eccezionale, un artista così immenso. Ricordo quando ti ho parlato la prima volta: per me che, molto giovane, iniziavo a percorrere una strada che da tempo avevo deciso di intraprendere, è stata un’emozione fortissima, che ho subito capito sarebbe stata indelebile. Perché nel suono della tua voce, nel modo in cui discorrevi e in quelle parole così sicure e sentite, ho trovato un ulteriore, enorme incoraggiamento per continuare, per non arrendermi; e mentre nel contempo i fotogrammi dei tuoi film, che ovviamente avevo tanto amato, non potevano smettere di scorrere nella mia testa mentre ti ascoltavo rapito, per qualche istante intenso e meraviglioso mi è davvero sembrato di essere vicino al cinema più di quanto lo fossi mai stato. Ed è con questo pensiero che voglio ricordarti; perché, insieme ovviamente alla tua splendida filmografia per cui tutti sempre ti ameremo, per me anche quello è stato un grande regalo.

Semplicemente e sinceramente, un saluto affezionato, dall’allievo al maestro.

About the author

Per informazioni più dettagliate sull'autore del blog (percorso di formazione, progetti lavorativi, contatti, etc.), vedere la pagina "Parlo di Me" nel menù.

Related Posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?