Hunger

Hunger

- in Film 2000-2009, Recensioni
1

La storia vera di Bobby Sands (Michael Fassbender), attivista dell’IRA incarcerato per terrorismo dalle forze dell’ordine britanniche, il quale, in seguito all’abolizione dello statuto speciale per i prigionieri politici da parte del primo ministro inglese Margaret Tatcher, inizierà uno sciopero della fame che lo condurrà alla morte all’età di 27 anni.

Sulla scia del successo ottenuto con il discusso quanto osannato “Shame”, arriva finalmente anche in Italia (pur con un imperdonabile ritardo di quasi quattro anni) la potente opera prima dell’ormai quotatissimo Steve McQueen, già pluripremiato videoartista, capace di imporsi fin da subito anche nel panorama cinematografico con questo  esordio prezioso e pregnante. Attraverso una scrittura stilistico-narrativa evocativa ed ellittica in cui durissime sequenze di scioccante violenza iperrealista si alternano ad intensi silenzi e vibranti ed interminabili piani-sequenza (come quello magistrale – di oltre 20 minuti – in cui il protagonista discute con il prete sulla sua inderogabile decisione di perseverare), il regista inglese muove la cinepresa come un bisturi, rappresentando e scandendo la vicenda con cruda e chirurgica lucidità; il suo sguardo è essenziale, rigoroso e distaccato ma, quasi paradossalmente, tutt’altro che asettico; rifiutando ogni sorta di adesione, facezia, compiacimento e, soprattutto, giudizio, i quesiti politici (e umani) che pone risultano infatti ancora più incalzanti: più che sul puro concetto di ideologia, “Hunger” è infatti un film su uno scopo vitale, un obiettivo da raggiungere che diventa ideale, e viceversa. Non a caso, come del resto anche nel successivo e già citato “Shame”, anche questa volta al centro c’è un corpo: un corpo che, abusato e martoriato, diviene l’ultima arma perché altro non è che l’ultima risorsa; il corpo scarno, sanguinante e dai rimandi “cristologici” di quel grande attore che è Michael Fassbender, il quale, con una recitazione di fisico, di testa e di sguardi, mette a segno un’altra eroica, viscerale e straordinaria interpretazione. Meritatissimo premio “Caméra d’Or” a Cannes per la migliore opera prima.

Hunger
Hunger
Summary
id.; di STEVE McQUEEN; con MICHAEL FASSBENDER, LIAM CUNNINGHAM, BRIAN MILLIGAN, STUART GRAHAM, LIAM McMAHON, HELENA BEREEN, LARRY COWAN, LINDEN ASHBY, LORI HEURING; drammatico; G. B./ Irlanda, 2008; durata: 96';
80 %
Voto al film
User Rating : 0 (0 votes)

About the author

Per informazioni più dettagliate sull'autore del blog (percorso di formazione, progetti lavorativi, contatti, etc.), vedere la pagina "Parlo di Me" nel menù.

Related Posts

1 Comment

  1. Un film molto particolare, molto silenzioso che fa parlare i fatti con violenza e crudezza…

Leave a Reply to Affari nostri Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?